ASPIRO POLIMATIC

polim.JPG
Partimmo per primi, nel lontano 2002, a studiare la caldaia a pellet.
Un paio di anni fa ci siamo chiesti: " perchè bruciare solo pellet di legno naturale, e addirittura pellet Gold, cioè di prima qualità....?"
Che senso ha tagliare alberi sani come il faggio o l'abete (per produrre pellet di qualità A1) per poi bruciarlo?
A nostro modesto parere, prima di abbattere gli alberi, si dovrebbero bruciare tutti gli scarti di lavorazione agroalimentare come il nocciolino, i gusci di nocciola o di pistacchi, il pks (gusci di nocciolino di palma da olio), cippato, i noccioli di pesca, di albicocca, il mais di scarto, pellet prodotto da legname di scarto e di qualità scadente ecc.

Ecco perchè nasce la POLIMATIC: la prima caldaia a gassificazione assistita per combustibili granulari poveri dotata di bruciatore a gassificazione reverse bunsen e preriscaldo con bruciatore a pellet. Con questa nuovissima tecnologia brevettata da ARCA si risolve il problema dello Slagging & Fouling (la formazione di klincher nel bruciatore durante la combustione di granulari come il mais) e si stabilizza la temperatura di gassificazione pure in presenza di combustibili caratterizzati da:
1)  bassa densità energetica;
2) elevato contenuto in ceneri;
3) elevata umidità
Polimatic: una risposta ai "folli" che si vantano di bruciare pellet di legno naturale A1 di puro abete e faggio e una proposta concreta per bruciare prima tutto quello che "non serve". 

Catalogo

  • Caldaie a gas murali
  • Caldaie a legna / pellet
  • Stufe a pellet
  • Generatori di aria calda
  • Caldaie in acciaio
  • Condizionamento
  • Pannelli solari
  • Impianto a pavimento radiante
  • Bollitori e serbatoi d'accumulo
  • Kit idraulici
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
 
Accetto